Un secolo senza Boccioni (17 agosto 1916- 2016)

Ricorre oggi il centenario della morte di Umberto Boccioni, artista del Futurismo tra i più importanti nel panorama delle avanguardie storiche europee del Novecento. Teorico, Pittore e Scultore, il celebre artista scomparve a soli 34 anni il 17 agosto 1916 in modo del tutto accidentale: mentre era a cavallo, di scorta ad un trasporto di rifornimenti nei pressi di Verona, l’animale si imbizzarrì, disarcionandolo e calpestandolo a morte. Erano trascorsi solo cinque anni da quando Boccioni aveva firmato a Milano, insieme Carlo Carrà, Luigi Russolo, Gino Severini e Giacomo Balla, il “Manifesto dei pittori futuristi”, estendendo all’arte figurativa il movimento di avanguardia lanciato nel 1910 a Parigi da Filippo Tommaso Marinetti.

La sua morte destò il compianto di illustri personalità dell’epoca: da D’Annunzio ad Apollinaire, dai musicisti Puccini, Busoni e Schonberg fino a Mussolini, allora direttore del “Popolo d’Italia”. Il poeta Marinetti, inventore e guida del Futurismo, restò sconvolto da quella fine, ma subito avviò un’ inesausta promozione dell’opera e della figura del compagno scomparso.

Tante iniziative sono state avviate nell’anno del centenario a ricordare il grande artista. Fra queste si ricordano soprattutto la mostra Umberto Boccioni. Genio e memoria allestita a Milano in Palazzo Reale, conclusasi il 7 luglio, oltre che una serie di conferenze dedicate all’artista organizzate a Verona e la presentazione da parte dell’Associazio26844337ne Culturale  Anassilaos di alcuni bozzetti relativi alle cartoline commemorative di Umberto Boccioni con uno sguardo attento alla citta di Reggio Calabria, città natale dell’artista.

In aggiunta, per celebrare il centenario il Ministero dello Sviluppo Economico emetterà nella giornata di oggi, mercoledì 17 agosto 2016, un francobollo ordinario appartenente alla serie tematica “il Patrimonio artistico e culturale italiano” dedicato a Umberto Boccioni.

La vignetta riproduce un dipinto di Umberto Boccioni denominato “Dinamismo di una testa d’uomo”, realizzato nel 1914 e conservato presso il Museo del Novecento di Milano, che ha concesso la riproduzione dell’opera.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...